Reformer - Barrel - Wall Unit e Personal Training - Spazio 360°

Vai ai contenuti

Menu principale:

Reformer - Barrel - Wall Unit e Personal Training

Personal Pilates - Training

"Poco movimento ben programmato ed eseguito con precisione
in una sequenza bilanciata ha lo stesso valore di ore di contorsioni
forzate e fatte in modo approssimativo."

Joseph H. Pilates

Finalmente anche tu potrai provare questa disciplina benefica per il corpo e per la mente, prenotando la tua seduta personalizzata della durata di 50 minuti, dove sarai seguito passo passo nell’apprendimento della tecnica, raggiungendo più velocemente un elevato stato di benessere fisico e mentale!

Solo su appuntamento, per maggiori informazioni contattare Jole - tel: 076 / 387 00 18


Ho inventato tutte queste macchine iniziando dalla Germania, dove fino al 1925 ero consueto esercitare pazienti con reumatismi.
Ho pensato, perché usare la mia forza?
Così inventai una macchina che lo facesse al posto mio,
che facesse resistenza ai movimenti soltanto nel modo corretto,
permettendo ai muscoli interni di lavorare veramente contro questa forza di opposizione.
In questo modo ci si potrà concentrare sul movimento, lentamente e con armonia.
Si vedrà completa consapevolezza di tutto il tuo corpo”

Joseph H. Pilates

I Principi Fondamentali del Pilates

Il Metodo Pilates è una tecnica di movimento, che insegna attraverso ad un miglior equilibrio, armonia e fluidità, ad assumere una corretta postura.
L’obiettivo del suo ideatore, Joseph Hubertus Pilates, era quello di rendere le persone consapevoli del proprio corpo e della propria mente, per unirli in una singola, dinamica e ben funzionale entità.
La mente di chi esegue gli esercizi Pilates è diretta verso il corpo, concentrata su come avvengono i movimenti. Solo così è possibile capire quello che la mente ordina ai segmenti corporei ed imparare a percepire esattamente come ci si sta muovendo.
Gli esercizi del Metodo Pilates non sono fini a se stessi, ma conducono attraverso ad una logica propedeutica, la mente ad azionare il corpo, con estremo controllo, fluidità e precisione, il tutto attraverso una coordinata respirazione.
Chi pratica questi esercizi non è spettatore di se stesso, ma partecipa con il corpo e con la mente a ciò che compie.
“ La cosa importante non è ciò che stai facendo, ma come stai eseguendo ciò che fai” era solito dire Pilates.

Si cerca di portare l’individuo a muoversi con economia, grazia ed equilibrio, attraverso il rispetto dei sei principi base:

Concentrazione (Concentration);
Controllo (Control);
Baricentro (Centering);
Fluidità del movimento (Flowing movement);
Precisione (Precision);
Respirazione (Breathing);

Differenze fra Pilates Matwork o con l’utilizzo di macchine come il Reformer, la Caddilac, la Chair, etc.


A mio modo di vedere ... sono due mondi completamente differenti ...
Le macchine, come quelle citate in precedenza, hanno un grande vantaggio: grazie alle molle che compongono i macchinari, è possibile realizzare esercizi di assistenza o di resistenza, lavorando su muscoli più profondi che normalmente non vengono utilizzati in assenza di gravità. I vantaggi che si ottengono tramite gli esercizi con le macchine sono principalmente la flessibilità, un miglioramento posturale e la tonificazione. Tutti, con l’assistenza di un esperto, possono lavorare con le macchine.
Il Matwork, come dice la parola stessa, comprende una serie di esercizi a corpo libero che si effettuano su un tappetino. È fondamentalmente più faticoso rispetto agli attrezzi perché si lavora contro la forza di gravità. Tuttavia può dare ottimi risultati in termini di tonificazione, stabilità, controllo.

Ti assicuro che se hai qualche patologia tipo dolori alla schiena, protusioni, discopatie o problemi alle ginocchia, alla cervicale o alle spalle, beh il Matwork senza il controllo e la supervisione di un esperto rischia di aggravare la situazione. In questo caso gli attrezzi, dando assistenza, possono portare grandi benefici e restituirti una condizione fisica normale. Da lì potrai dedicarti eventualmente al Matwork.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu